29.10.12


di Serena Lastoria
unmondoditaliani.com 

Sta per scadere il tempo per gli Enti iscritti all'albo nazionale e agli albi regionali per la presentazione dei progetti di servizio civile in Italia e all'estero. La scadenza è prevista per il prossimo 31 ottobre 2012. Tutto tace invece per quanto riguarda la pubblicazione del bando 2013. 

servizio civileservizio civile nazionale(UMDI UNMONDODITALIANI) Bisognerà ancora attendere per conoscere la data della pubblicazione del bando per i giovani interessati ad intraprendere l’esperienza delServizio Civile Nazionale(che probabilmente uscirà nella primavera 2013), il tempo sta per scadere invece per gli Enti iscritti all'albo nazionale e agli albi regionali, per lapresentazione dei progetti di servizio civile in Italia e all'estero. La scadenza per questi ultimi infatti è prevista per il prossimo 31 ottobre 2012. Quest’anno il Servizio Civile rischiava di non essere riproposto a causa dei tagli apportati dalla Legge di stabilità 2011, ma grazie anche alla mobilitazione del mondo non profit e all'impegno del ministro Andrea Ricciardi, nello scorso giugno è stato annunciato il reperimento di risorse sufficienti a stabilizzare il servizio civile nel biennio 2013-2014, con una previsione di 18.800 volontari, di cui 450 all'estero, per ciascuno dei due anni. Il Servizio Civile volontario, istituito nel 2001 dopo l'abolizione della leva militare obbligatoria, è un'opportunità di crescita umana e professionale per i giovani tra i 18 e i 28 anniche vogliono dedicare un anno della loro vita al servizio delle fasce più deboli della società. L'attività è prestata pressoenti riconosciuti che sono amministrazioni pubbliche, organizzazioni non governative e associazioni non profit. Ogni anno l'ufficio nazionale e le Regioni approvano i progetti e mettono a bando i posti di volontario. In seguito all'ultimo bando, uscito in ottobre 2011, migliaia di giovani sono partiti per il servizio civile. Il percorso dei volontari di quest’anno è giunto quasi a metà strada, ma siamo sicuri che ognuno di loro stia vivendo un’esperienza unica che si porterà dentro per tutta la vita.